Posts Tagged ‘bologna’

ALLARME CENSURA. Giovanardi: parlare o manifestare per la legalizzazione della cannabis deve essere vietato

maggio 29, 2008

Una legge per dire basta alle manifestazioni pubbliche che si trasformino in una sorta di sagra della droga, anche se leggera. L’intenzione del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche antidroga, Carlo Giovanardi, e’ quella di “introdurre strumenti normativi per non permettere piu’ che manifestazioni propagandistiche, come la tre giorni sulla canapa (terapeutica, ndr) a Bologna, in programma dal 30 maggio al 1 giugno, possano svolgersi liberamente”. Intervistato dal sito dei ‘Circoli della Liberta’ di Michela Vittoria Brambilla, Giovanardi spiega: “Vogliamo dire basta alla cultura della droga. E per farlo vogliamo introdurre nell’ordinamento una norma che impedisca di fare propaganda, anche indiretta, a tutte le droghe, comprese quelle cosiddette leggere”. “Questo anche alla luce dell’eccessiva e preoccupante leggerezza nei confronti delle droghe, che ha contribuito a creare le condizioni per casi quali quello di Roma, dove un tossicodipendente ha investito con l’auto e ucciso due giovani fidanzati, e quello di Milano, dove una banda di spacciatori adolescenti, sgominata dai carabinieri, riforniva di droga i propri compagni di scuola”.

fonte: aduc.droghe

Annunci

Italia. Bologna Per l’Udc, la cannabis terapeutica e’ ‘business della droga’

maggio 22, 2008

‘Una manifestazione che viola la legge non puo’ beneficiare di alcuna autorizzazione. Quello del ‘Cannabis tipo forte’ di Bologna e’ un evento diseducativo che qualcuno vorrebbe far passare per ‘scientifico’. In realta’ si tratta di puro marketing a servizio del business della droga’. Lo afferma il deputato Udc Gianluca Galletti, che ha presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio e al ministro dell’Interno per denunciare i contenuti della quarta mostra convegno ecotecnologica della cannabis medicinale e industriale ‘Cannabis tipo forte’ prevista al Palanord di Bologna a fine maggio.
‘Non e’ pensabile – sottolinea l’esponente centrista – che una struttura pubblica possa ospitare una mostra dai contenuti diseducativi, peraltro ideata da un medico-chirurgo gia’ per la seconda volta agli arresti domiciliari per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Il Governo assuma tutte le iniziative del caso per contrastare la cultura dello sballo e ricordi, specie ai piu’ giovani e alla stessa amministrazione comunale di Bologna, che coltivare, produrre e detenere in Italia sostanze simili e’ ancora un reato’.

fonte: aduc.droghe

Italia. Bologna. Udc contro fiera sulla cannabis terapeutica e industriale

maggio 20, 2008

La quarta edizione della mostra-convegno ecotecnologica della cannabis medicinale e industriale, che si terra’ al Palanord di Bologna dal 30 maggio al 1 giugno prossimi, finisce nel mirino della consigliera comunale de La Tua Bologna ed esponente dell’Udc Silvia Noe’, intervenuta oggi in aula a Palazzo D’Accursio con un intervento contro la scelta dell’amministrazione di concedere (peraltro per la seconda volta) la tensostruttura del Parco Nord agli organizzatori della fiera.

“E’ incredibile e irresponsabile che un soggetto pubblico metta a disposizione spazi pubblici per lo svolgimento di manifestazioni che, celandosi sotto pretesi contenuti scientifici ed effetti terapeutici della cannabis, in realta’ promuovono e favoriscono la cultura dello sballo e veicolano l’idea che drogarsi non solo non fa male, ma e’ bello” sostiene Noe’ ricordando anche che il Comune “non puo’ ignorare che l’ideatore dell’evento e’ agli arresti domiciliari, per la seconda volta, per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”.

“Ospitare una manifestazione che si muove si’ nelle pieghe della legalita’, ma in realta’ promuove il marketing della droga e il business dello sballo e’ pericoloso” avverte la consigliera che gia’ lo scorso anno aveva posto il problema alla giunta con un appello che, si rammarica, “e’ stato completamente ignorato”. Ma Noe’ non si limita a rinnovare l’invito all’amministrazione affinche’ “valuti l’opportunita’ di ospitare una fiera che si presta principalmente a veicolare un messaggio diseducativo piuttosto che scientifico”.

L’esponente dell’Udc conclude infatti il suo intervento con “un appello al Ministro dell’Interno Roberto Maroni perche’ in collaborazione con questa amministrazione, verifichi che questo tipo di manifestazioni si svolgano nel pieno rispetto della legge”. Sul tema, non a caso, il deputato dell’Udc Gian Luca Galletti ha gia’ preparto un’interrogazione parlamentare.

fonte: aduc.droghe