Posts Tagged ‘alcol’

Cannabis meno dannosa di alcol e tabacco: occorre cambiare l’ipocrita politica proibizionista

ottobre 5, 2008
Donatella Poretti, Marco Perduca *
La cannabis e’ meno dannosa di alcolici e sigarette. Lo sostiene la Global Cannabis Commission della Ong Beckley Foundation, in un rapporto messo a punto in vista della revisione della politica delle Nazioni Unite in materia di droga nel 2009. Nel documento, oltre a sottolineare il fallimento dell’attuale strategia proibizionista, si chiede un cambiamento di rotta. La proposta, destinata a sollevare non poche polemiche, e’ di liberalizzare la marijuana all’interno di un “mercato controllato”, soggetto a tasse, regole precise, obbligo di eta’ minima per l’acquisto (1).
E’ esattamente quanto andiamo sostenendo da anni, e che abbiamo dettagliato il primo giorno della legislatura con due proposte di legge “gemelle” elaborate in collaborazione con l’Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori): una per legalizzare il consumo ed il commercio della cannabis, l’altra per proibire l’alcool ed il tabacco (1) Delle due l’una: o si prende atto che la politica proibizionista e repressiva non sta funzionando, legalizzando una sostanza come la cannabis; oppure si decide che il proibizionismo funziona e lo si applica fino in fondo, vietando sostanze infinitamente piu’ dannose come l’alcool ed il tabacco.
Quello che e’ certo e’ che oggi la strategia adottata contro le droghe e’ fortemente ambigua ed ipocrita. A fronte di zero morti causati dalla cannabis, l’alcool ed il tabacco producono ogni anno circa 130mila morti solo in Italia, oltre 5 milioni di decessi nel mondo. Nonostante cio’, si puo’ finire in carcere fino a 20 anni per il possesso di cannabis superiore a 0,5 grammi, mentre e’ possibile acquistare e consumare quantita’ illimitate di alcool e tabacco.
Legalizzando la cannabis:
– sarebbe eliminata una buona parte delle entrate su cui vivono le organizzazioni criminali che gestiscono i traffici;
– sarebbe possibile controllare la qualita’ della sostanza, evitando che i milioni di italiani che ne fanno uso fumino cannabis geneticamente modificata o peggio tagliata con altre sostanze sconosciute e talvolta letali (vedi il caso del giovane di Torino, il cui spinello conteneva crack cocaina).
– sarebbe separato il mercato della cannabis da quello delle droghe pesanti, evitando il facile contatto degli spacciatori coi milioni di giovani loro “clienti”, a cui vendere prodotti piu’ lucrosi perche’ creano dipendenza, tipo cocaina ed eroina.

(1)     I nostri disegni di legge:
– legalizzazione cannabis: http://www.aduc.it/dyn/parlamento/arti.php?id=235099

– proibizione tabacco e alcool: http://www.aduc.it/dyn/parlamento/arti.php?id=235100

* senatori Radicali- Partito Democratico

(1) http://droghe.aduc.it/php/articolo.php?id=18743

fonte: aduc.droghe

Italia. Ddl Meloni contro la ‘cultura dello sballo’

agosto 2, 2008

02 agosto 2008
 
L’Italia e’ un paese che ha bisogno dei giovani, ai quali pero’ vanno dati nuovi strumenti e, soprattutto, nuovi spazi di aggregazione, lontani dalla cultura dello ‘sballo’, che mettano al bando alcol, droga e violenza. Questo il senso del Ddl di riconoscimento e sostegno alle comunita’ giovanili, approvato ieri dal Consiglio dei ministri su proposta di Giorgia Meloni, che prevede anche la creazione di un ‘fondo’ ad hoc da 5 milioni all’anno e di un ‘Osservatorio’ nazionale e di un registro delle comunita’ giovanili. Iniziativa che ha avuto l’avvallo del premier Silvio Berlusconi, che ha parlato di ‘proposte che hanno tutte il marchio dell’innovazione’: ‘c’e’ bisogno in tante citta’ di questo, spero che ci sia una risposta entusiastica’.
‘Le comunita’ – ha spiegato il ministro della Gioventu’ – sono spazi di aggregazione dedicati ai giovani e organizzati da giovani che non abbiano superato i 35 anni. Luoghi reali nei quali sia possibile navigare in internet, leggere giornali, fare musica, teatro, cinema, sport, pittura, fotografia, poesia, ma anche riscoprire i saperi tradizionali. Spazi nei quali organizzare convegni, corsi, laboratori e dove maturare relazioni, attitudini personali e vocazioni’.
Il Ddl, composto da nove articoli, e’ finalizzato a promuovere la nascita di nuove comunita’ nonche’ a consolidare quelle gia’ esistenti, anche attraverso scambi altre realta’ nazionali e internazionali, con particolare riguardo allo sviluppo della comune identita’ culturale italiana e europea. I requisiti essenziali sono: perfetta democraticita’ nell’accesso alle cariche, la trasparenza del bilancio, assenza di qualunque discriminazione al loro interno. Nello statuto, inoltre, deve essere espressamente previsto ‘l’impegno degli associati a impedire, all’interno della comunita’ giovanile o in prossimita’ di essa, ogni forma di discriminazione o violenza, ovvero di promozione o esercizio di attivita’ illegali nonche’ l’uso di sostanze stupefacenti o l’abuso di alcool’.
‘Le Comunita’ – ha spiegato Meloni – vengono promosse con pochi vincoli statutari, in particolare assenza di qualunque tipo di discriminazione. Vincoli essenziali per iscriversi al registro nazionale istituito presso il dipartimento della Gioventu’ e conseguentemente per usufruire dei contributi del fondo comunita’ giovanili, la cui dotazione e’ di 5 milioni di euro l’anno’. ‘Il Ddl prevede anche la nascita dell’Osservatorio nazionale sulle Comunita’ giovanili, istituito presso la presidenza del Consiglio, che ha il compito di promuovere e valorizzare il ruolo di sviluppo e integrazione sociale svolto dalle comunita’. L’obiettivo e’ offrire alle giovani generazioni degli spazi che rappresentino un’alternativa alla noia e al disimpegno, che spesso sono alla base di fenomeni di disagio, soprattutto nelle periferie delle grandi citta’ metropolitane e in alcune realta’ del meridione’. Sul provvedimento sara’ acquisito il parere della Conferenza Stato-Regioni.

fonte: aduc droghe

Europa. Il consumo di droghe tra i giovani europei induce a una sessualita’ senza precauzioni

luglio 30, 2008

30 luglio 2008

In Europa, le abitudini di consumo di droghe e alcol “ad alti livelli” da parte dei giovani incrementano le pratiche sessuali non sicure e “senza precuazioni”, rileva un’indagine condotta per la Rete europea di ricerca e prevenzione dei problemi dei giovani (IREFREA).
Allo studio hanno partecipato oltre 1.300 persone tra i 16 e i 35 anni di nove Stati, che hanno riconosciuto come l’assunzione di alcol e determinate droghe li porti ad “alterare le proprie decisioni” e ad avere rapporti sessuali “di cui dopo si pentono”. Malgrado cio’, il 28,6% degli intervistati ammette di bere alcol perche’ “facilita il contatto con un possibile partner sessuale”, mentre un consumatore di cocaina su quattro la usa “per prolungare il rapporto sessuale”, ha spiegato una delle autrici dello studio, Montse Juan, in dichiarazioni al Servizio d’informazione e notizie scientifiche (SINC) raccolte da Europa Press.
I ricercatori hanno trovato un legame tra consumo di droghe e sessualita’ in eta’ precoce: l’uso di alcol, cannabis, cocaina ed ecstasy prima dei sedici anni e’ infatti associato al fatto d’aver avuto rapporti sessuali prima di quell’eta’. Inoltre, il consumo di droghe dei partecipanti all’indagine si lega con l’avere piu’ partner sessuali. E’ emerso che, negli ultimi dodici mesi, i consumatori abituali di cocaina hanno avuto cinque volte piu’ probabilita’ d’avere cinque o piu’ compagni sessuali o d’aver “pagato per fare sesso”, ha spiegato l’esperta.
Di fronte a questi dati, gli autori concludono che si devono proporre programmi e strategie preventive, e continuare ad analizzare l’assunzione di droghe connessa agli aspetti sociali, psicologici e fisici legati alla sessualita’, partendo dall’esperienza viva dei giovani.

fonte: aduc droghe