Don Gallo: liberalizzare droghe leggere

ottobre 1, 2008

01 ottobre 2008

La Chiesa e’ sessuofobica e chi, come me, sta nella casa che ama, le deve dire queste cose’: cosi’ si e’ espresso Don Andrea Gallo, fondatore della comunita’ di San Benedetto al Porto di Genova, che negli anni ha sempre assunto posizioni scomode entrando anche in contrasto con il mondo ecclesiastico, in occasione dell’inaugurazione di una mostra fotografica a lui dedicata a Milano. A margine della mostra (in programma fino al 10 ottobre allo Studio 28 di via Moretto da Brescia), il prete genovese ha anche contestato l’attuale normativa sulle droghe: ‘Devono capire che fumare uno spinello e’ anche un piacere’. ‘Io amo la Chiesa, anche se e’ l’ultima struttura medioevale rimasta – ha spiegato il religioso – e uno che sta in una casa collusa con il potere e sessuofobica deve dire queste cose, se la ama’. Don Gallo, dopo aver spiegato di essere favorevole ‘alla ordinazione sacerdotale delle donne’, ha parlato anche di droga e prostituzione. ‘La legge sulle droghe favorisce solo il narcotraffico e da anni io dico che bisogna liberalizzare le droghe leggere’. Il prete genovese ha inoltre criticato le norme sulla prostituzione: ‘Sono inutili, perche’ non affrontano lo sfruttamento’.
Fonte: aduc salute

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: