Scarcerato il ragazzo di Angela

agosto 15, 2008

14 agosto 2008

Sono stati scarcerati dal gip Eliana Genovese i due giovani bresciani e le due ragazze bergamasche arrestati dai carabinieri di Chiari per il possesso di varie piante di cannabis indica, coltivate nella loro casa ad Adro e di vari quantitativi di marijuana pronta per il consumo (leggi qui la notizia) .
Luca Parisio ed M.P. hanno ammesso di coltivare e consumare cannabis, spiegando che producendola in casa evitano di servirsi degli spacciatori: il giudice ha sostenuto che sussiste il grave indizio di colpevolezza sulla coltivazione, ma non si è espresso sullo spaccio. I ragazzi sono stati liberati con l’obbligo di firma.
“Dato che la coltivazione è stata da loro ammessa ed è per uso personale in quanto ritengono che la marijuana abbia potenzialità meditative”, ha spiegato ai giornalisti il loro avvocato Luca Pezzucchi, “il giudice ha ritenuto sufficiente l’obbligo di firma in considerazione del fatto che sono incensurati e che si sono comportati correttamente nell’iter processuale. Penso che una valutazione di questo genere presupponga che il gip abbia dato un certo credito alle dichiarazioni secondo cui i due arrestati non sono spacciatori”.
Luca Parisio, dj di Radio Onda d’Urto con il nome di dj Afro, era il fidanzato di Angela Moscato, la ragazza travagliatese di 33 anni morta il 2 agosto a Sassari dopo essere stata colta da una crisi allergica durante un festival di musica reggae a Banari (leggi qui).

Fonte: qui brescia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: