Canapa – Emarginazione e pregiudizi nella società

maggio 5, 2008

Alcune persone hanno un’opinione errata sul fumatore di canapa,ossia prevale lo stereotipo del drogato: aggressivo,apatico e facilmente irritabile.
Non è così,per il semplice motivo che gli effetti generati da questa sostanza sono esattamente opposti: tranquillità,socievolezza,pazienza e tolleranza.
Quella generalizzazione, è stata diffusa nell’ opinione pubblica, in tempi in cui non si poteva verificare ciò che veniva detto di tale sostanza, generando nelle persone false certezze che sono in breve sfociati in disinformazione e condanna sociale.
A pagare dazio, inspiegabilmente ancora oggi, sono quei cittadini che vivono come tanti, nella lealtà, differenziandosi nel solo fatto di fumare cannabis e subendo per questo pene e giudizi da veri criminali.
Il motto del proibizionismo verso le droghe è tolleranza zero, canapa compresa, come se si avesse a che fare con un violento crimine o con dei veri e propri malviventi. 

La maggior parte dei fumatori di canapa vive in condizioni normali, sia economiche che familiari che sociali e nella quasi totalità dei casi ha la fedina penale pulita .

   Lavorano e non vivono per strada come molti pensano, non chiedono soldi per farsi una “dose” e non aggrediscono i malcapitati per pochi soldi.
Una persona può essere giudicata diversamente dopo aver saputo che fuma canapa, nel lavoro ad esempio ,finchè non se ne è a conoscenza, si ritiene che l’operato di tale persona sia pressochè impeccabile.
Mentre dopo averlo saputo,magari perchè il soggetto è sottoposto a terapie di recupero imposte dalla legge ed è costretto a rivelarlo al datore di lavoro chiedendo permessi, incominciano a nascere varie lamentele fino al licenziamento ingiustificato,senza contare che magari fumasse fin dall’assunzione ed che avesse sempre svolto bene i propri incarichi.
Il fumatore si trova nella posizione di venir considerato un soggetto ossessionato-compulsivo, perchè si ostina a continuare pur andando incontro ad azioni legali, discriminazione e pregiudizi.
Senza pensare che se si ostina è proprio perchè gli sembra un’ingiustizia essere perseguitato per un’azione che non crea problemi alla società.
Poi si può anche aggiungere che chi vuole fumare canapa deve farlo di nascosto, per non rischiare di essere beccato o considerato un delinquente.
Per questo molti pensano che chi assume canapa sia un asociale, che preferisce una canna al divertimento semplice, non pensando che tutti i giorni conduce una vita normale come quella di chiunque con divertimenti, emozioni e problemi comuni a tutte le persone.
In altre parole, potresti essere stato tranquillamente a stretto contatto con un fumatore di canapa tutti i giorni, senza sospettarlo minimamente, perchè non ha niente di diverso da te che ti ritieni onesto e moralmente accettato.
Hempyreum Weblog Team

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: